Linea verde…

Erano molte le ragioni per tenere il fiato sospeso, lo scorso weekend.
Tra mille cautele, molti dubbi, qualche perplessità e quell’entusiasmo che non manca mai per nostri ragazzi, CCNA nella prestigiosa variante “Serie A” era attesa nelle acque dei laghetti dell’EUR per l’esordio stagionale nella massima categoria.
Il mondo e la cronaca, ci hanno tenuti un po’ “distanti” (c’è anche il gioco di parole), dal campo e dalla squadra. Viviamo una stagione anomala e balorda e gli allenamenti, l’avvicinarsi delle scadenze, sono state vissute con prudenza e qualche distacco. Scottati dagli eventi, dal precedente spostamento della stagione, dalle incertezze, ci si è mantenuti “larghi” per non soffrire di ulteriori delusioni se poi tutto fosse ancora saltato. Tifosi e canoisti, famiglia CCNA e atleti, intendo. Con le informazioni veicolate col contagocce, più ancora che in ogni altra circostanza passata.
Ma il weekend è arrivato.
E CCNA ha risposto, forte e chiaro, presente!
La due giorni capitolina ha visto fronteggiarsi l’élite della canoa polo italiana. Le migliori erano tutte presenti, incluse le semifinaliste della passata stagione. Insomma, il classico inizio col botto!
Il nostro compito non dichiarato per il campionato è quello di provare a difendere il podio conquistato. Fare sempre meglio è la filosofia CCNA, ma date le circostanze, umiltà e piedi ben piantati in acqua, più che scelte strategiche sono le necessità di questa stagione.
Veniamo a noi…
3 vittorie ed 1 pari, su 6 avversari affrontati, 10 punti conquistati e classifica che ci sorride e ci vede solidi protagonisti vicini o vicinissimi alle solite corazzate, Polisportiva Catania e Pro Scogli Chiavari.
A raccontare delle partite, due sono quelle che più delle altre ci hanno tenuto inchiodati al display del cellulare, e in realtà sono due partite che nemmeno abbiamo vinte.
Quella che abbiamo fatto sudare al Chiavari come al solito, e quella pareggiata con l’Idroscalo che ci agguanta a pochi secondi dalla fine.
Accomunano la due partite dei primi tempi (lo sappiamo tutti che i conti si fanno alla fine! lo sappiamo…) stratosferici e i gol di due matricole esordienti in serie A. Giuseppe Ruggiero e Alessandro Schiano. 16 anni entrambi, che si sappia!
E nell’acqua della massima categoria Davide Di Meo ha compiuto la maggiore età dedicandosi una tripletta nella partita conclusiva!
Che alla lunga forza ed esperienza abbiano avuto la meglio, non può e non deve sorprendere. E nemmeno dispiacere troppo. Un pochino, ma non troppo. I risultati restano segnati sui referti, ma non dicono quanto siamo stati vicini, prossimi a delle autentiche imprese e capolavori, proprio negli incontri più difficili!
I ragazzi hanno dato supporto e condiviso l’entusiasmo coi “veterani”.
Incredibile chiamare così, Andrea Costagliola (9 gol), Fabrizio Massa (7 gol), Michele Pugliese (3 gol) e Vincenzo Lucci (4 gol).
Questa è l’alchimia di CCNA. Fatta tutta in casa…
Ed è bellissima questa storia! Una delle tante che ci appassiona di CCNA…
Un cenno alla federazione, che seppur povera di mezzi e risorse, e pur nella consapevolezza che uno sport senza il seguito dei tifosi appassisce e muore, non riesce ancora una volta a piazzare uno smartphone o un tablet su un piedistallo e a trasmettere in streaming l’intero tabellone, se non qualche incontro spot.
Lasciamo perdere e godiamoci i nostri ragazzi.
Conta questo, il resto è “politica”!

Addetto stampa
Gino Illiano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com